Crea sito

Diciamo NO al referendum costituzionale!

referenzum_fronte

Ucraina, la guerra dimenticata d’Europa

ucraina

Consultazione degli iscritti e delle iscritte in merito alla costituzione del nuovo soggetto unitario della sinistra

Sabato 12 Dicembre presso la sede di via Lucrezia Romana 33 è convocato un attivo degli iscritti e delle iscritte per votare il seguente dispositivo proposto dal nazionale.

“il nostro obiettivo è mettere al centro, in continuità e in attuazione della linea politica stabilita al congresso di Perugia, la strada del rafforzamento e del rilancio del Partito della Rifondazione Comunista e della costruzione attraverso un processo unitario, partecipato e democratico, del nuovo soggetto della sinistra in Italia. Questo processo che vedrà una prima tappa positiva nella convocazione dell’assemblea del 15/17 gennaio 2016 convocata sulla base del documento “Noi ci siamo, lanciamo la sfida” deve essere finalizzato a costruire un soggetto unitario e plurale della sinistra antiliberista, chiaramente alternativo al Pd e collocato in Europa nell’ambito del GUE e della Sinistra Europea”

Hanno diritto di voto (favorevole/contrario/astensione) gli iscritti 2015 e quelli del 2014 che rinnovino la tessera contestualmente alle operazioni di voto.

Alla consultazione presenzierà un membro della segreteria/CPF che ci verrà comunicato a breve.

– inizio lavori ore 9.30 – discussione
– ore 10.15 primo voto per appello nominale
 10.15 / 10.45 discussione di eventuali ordini del giorno
 10.45 secondo voto per appello nominale
 11.00 chiudiamo i lavori e partecipiamo alla riunione di Città in Comune.
Poiché il programma dei lavori è stretto è consigliata puntualità.
Il segretario

Combattere l’ISIS – La resistenza Kurda, il modello sociale che sconfigge il califfato

ATTENZIONE il luogo dell’iniziativa si sposta presso la nostra sede in Via Lucrezia Romana 33, sempre a Ciampino. Orario e partecipanti restano invariati.
kurdistan_web

Lezioni dalla Grecia: il meccanismo del debito e l’incompatibilità con la democrazia

manifesto-solidarietà-grecia

L’ingresso dell’Italia nella prima guerra mondiale è un evento da ricordare, non da festeggiare

Vorremmo consigliare al Sindaco Terzulli, preso atto della circolare del Presidente del Consiglio sull’esposizione della bandiera tricolore il 24 maggio in occasione del 100° anniversario dell’ingresso dell’Italia nella Grande Guerra, di esporla a lutto, perché l’inizio di quella guerra, come quella di tutte le guerre, costituì di per sé una sconfitta per l’umanità. Domani l’anniversario dell’entrata dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale non sia occasione di revival del militarismo e del nazionalismo ma di riflessione sull’orrore della guerra e di impegno solenne ad applicare l’articolo 11 della Costituzione che dice che l’Italia ripudia la guerra.

Rifondazione Comunista Ciampino

Jobs Act, conoscerlo per combatterlo!

jobs_act

Arrivano i fondi europei per i disoccupati, organizziamoci!

sussidio_disoccupati-1La Regione Lazio ha recentemente approvato una delibera, la 632 del settembre 2014, con cui istituisce il Contratto di Ricollocazione. La filosofia del provvedimento è semplice: per chi perde il lavoro c’è la possibilità di stipulare un contratto per essere collocato in un altro posti di lavoro. Non importa che il nuovo contratto è solo a 2 o 4 mesi, che sia a 50 km di distanza e che il salario sia di fame: quello che conta è che se non lo accetti perdi il diritto al sussidio di disoccupazione o all’ammortizzatore sociale che stai percependo.

Con il Jobs Act hanno reso molto più facile il licenziamento. Ora le aziende si disfano dei lavoratori senza più doversi giustificare. La giusta causa non esiste più e si passa all’arbitrio. Una volta licenziato ti propongono “la ricollocazione”, precaria, sottopagata e chissà dove e se non l’accetti rischi anche la miseria del sussidio.

La Regione Lazio ha previsto però che questo Contratto sia stipulabile anche da chi il lavoro lo ha perso da tanto tempo (più di 12 mesi) e sia senza reddito (cioè niente sussidi, niente CIG, niente ASPI) oppure non abbia mai lavorato (tecnicamente si definisce inoccupato). Per firmarlo occorre andare al Centro per l’Impiego e scegliere l’Agenzia che deve seguirti. Con questa Agenzia (che fa soldi grazie al fatto che tu sei disoccupato!) firmi il Contratto di Ricollocazione e aspetti che ti chiamino per un tirocinio, un corso di formazione, un colloquio con qualche società. Intanto però dovresti cominciare a percepire un sussidio di almeno 600 euro.
Read the rest of this entry »

“Organizzatevi, Agitatevi, Studiate” su Spreaker!





Organizzatevi, Agitatevi, Studiate /6

OAS-6