Crea sito

Ribellarsi non basta, i subalterni e l’organizzazione necessaria

La festa della Città Ribelle

Sono passati 5 anni dall’ultima “Festa Rossa” che il nostro circolo ha organizzato sul territorio Ciampinese. In questi anni molte cose sono cambiate in città e nella società; non in meglio purtroppo. I frutti avvelenati di 30 anni di politiche liberiste, con la progressiva distruzione dello stato sociale e smantellamento dei diritti del lavoro, stanno dando i loro frutti avvelenati di paura, insicurezza e razzismo.

Anche a Ciampino le cose non vanno meglio: l’aeroporto è sempre al suo posto ad inquinare la nostra aria, l’IGDO è stato svenduto ai privati per pochi soldi, e i lavoratori comunali (soprattuto le operatrici degli asili nido) sono sempre sotto attacco.

Non dobbiamo deprimerci però, anzi dobbiamo moltiplicare i momenti di resistenza e di costruzione di una proposta politica alternativa.

Il blocco di potere che ha governato Ciampino in questi anni non è eterno, anzi mostra tutta la sua pochezza e mancanza di lungimiranza. Solo pochi mesi fa un comitato di cittadini gli ha fatto rimangiare la malsana intenzione di costruire un tempio crematorio all’interno del cimitero di Ciampino. I tanti fallimenti, come la disastrata posizione debitoria di ASP, prima o poi presenteranno il conto.

Ad approfittarne non dovranno essere né la destra, per ovvi motivi, né il M5S che sta dimostrando di essere troppo limitato dalla ricerca ossessiva della legalità per poter cambiare veramente le cose (ammesso che gli interessi).

(Ri)Cominciamo da una festa ribelle, autogestita e popolare per cominciare a riannodare i fili dell’opposizione diffusa, variegata nelle forme e nei colori che si è manifestata in questi anni. I frutti di questo lavoro li verificheremo insieme.

Fascistelli di periferia rialzano la testa, domani corteo a Torre Angela

Vergognose dichiarazioni di Boccali, nessuno spazio a fascisti e razzisti!

Non siamo soliti commentare le esternazioni del consigliere Boccali, di cui sono note le inclinazioni politiche che non potrebbero essere più lontane dalle nostre. Non lo facciamo perché si tratterebbe di un esercizio ripetitivo e sterile, tuttavia ci sono occasioni in cui non è possibile fare finta di niente e passare oltre.
Ieri infatti è apparsa sulla bacheca del consigliere questo post che non esitiamo a definire infame.


Read the rest of this entry »

X Congresso PRC – Esito congresso di circolo

Il Congresso del Circolo Gramsci di Ciampino, svoltosi il 26 Febbraio 2017 ha visto la prevalenza all’unanimità del Documento 2 ed ha espresso un delegato al congresso della federazione romana.

Il nuovo direttivo, formato dai compagni Boccini, Chiappini e Tonucci ha eletto all’unanimità la compagna Emanuela Chiappini come nuova segretaria del circolo.

Alla compagna vanno gli auguri ed il supporto della nostra piccola, ma appassionata, comunità.

Di seguito pubblichiamo il documento politico finale approvato dalla commissione politica del congresso.

Documento politico del congresso del circolo Gramsci di Ciampino

Il congresso di circolo, celebratosi in data 26 Febbraio 2017, traccia per la futura attività le seguenti linee guida.

I compagni desiderano inoltre chiudere il proprio congresso con un ultimo saluto al compagno Fidel Castro e si ripropongono di effettuare una nuova iniziativa sulla rivoluzione cubana in occasione del cinquantenario dell’assassinio di Che Guevara.

X Congresso di Rifondazione Comunista

Fidel e la Rivoluzione Cubana

fidel

Diciamo NO al referendum costituzionale!

referenzum_fronte

Ucraina, la guerra dimenticata d’Europa

ucraina

Consultazione degli iscritti e delle iscritte in merito alla costituzione del nuovo soggetto unitario della sinistra

Sabato 12 Dicembre presso la sede di via Lucrezia Romana 33 è convocato un attivo degli iscritti e delle iscritte per votare il seguente dispositivo proposto dal nazionale.

“il nostro obiettivo è mettere al centro, in continuità e in attuazione della linea politica stabilita al congresso di Perugia, la strada del rafforzamento e del rilancio del Partito della Rifondazione Comunista e della costruzione attraverso un processo unitario, partecipato e democratico, del nuovo soggetto della sinistra in Italia. Questo processo che vedrà una prima tappa positiva nella convocazione dell’assemblea del 15/17 gennaio 2016 convocata sulla base del documento “Noi ci siamo, lanciamo la sfida” deve essere finalizzato a costruire un soggetto unitario e plurale della sinistra antiliberista, chiaramente alternativo al Pd e collocato in Europa nell’ambito del GUE e della Sinistra Europea”

Hanno diritto di voto (favorevole/contrario/astensione) gli iscritti 2015 e quelli del 2014 che rinnovino la tessera contestualmente alle operazioni di voto.

Alla consultazione presenzierà un membro della segreteria/CPF che ci verrà comunicato a breve.

– inizio lavori ore 9.30 – discussione
– ore 10.15 primo voto per appello nominale
 10.15 / 10.45 discussione di eventuali ordini del giorno
 10.45 secondo voto per appello nominale
 11.00 chiudiamo i lavori e partecipiamo alla riunione di Città in Comune.
Poiché il programma dei lavori è stretto è consigliata puntualità.
Il segretario